La Laguna di Venezia e le sue affascinanti isole ricche di storia

VENEZIA 1

Natura, storia e momenti magici cullati dalle onde: se l’idea ti incuriosisce, lasciati sedurre dalla Laguna di Venezia! La Serenissima è magica di per sé, ma a renderla la regina dell’Adriatico ci pensa anche il magico territorio che la circonda, a soli dieci minuti d’auto dal nostro accogliente Hotel Antica Corte Marchesini.

Oggi ti accompagneremo in un curioso tour nella Laguna di Venezia che ti farà scoprire spot ammalianti per una sosta dalla quotidianità a base di relax, suggestioni ed emozioni.

Le isole della Laguna di Venezia

Tra le isole della laguna di Venezia, una delle più conosciute è Lido, che divide Venezia dal mare. Meta di pellegrinaggio per chi, dal nord dell’Europa, cercava un posto per una villeggiatura al sole caldo del Mediterraneo, la ritroviamo tra le pagine del romanzo “Morte a Venezia” di Thomas Mann.

Se passeggerai o visiterai il luogo in sella a una bicicletta, noterai sicuramente le ville liberty, molte delle quali furono restaurate nel corso degli anni mantenendo però inalterato il loro fascino. Se deciderai di trascorrere anche solo un fine settimana a Lido, sarai felice di sapere che la sua spiaggia – perfetta anche per chi viaggia con bambini perché l’acqua è molto bassa per un lungo tratto – ha ricevuto la “bandiera blu” per le sue pulitissime acque e i servizi che offre.

Tra le mete da visitare a Lido ci sono anche il cimitero ebraico – uno dei più antichi al mondo – e il borgo di Malamocco, uno dei siti più antichi della Laguna e il primo insediamento del dogado veneziano. Riqualificato completamente negli ultimi anni, il borgo medievale è diventato una “piccola Venezia” tra mare e laguna.

Poco distante da Lido, si trova l’isola di San Lazzaro degli Armeni, un luogo di pace e spiritualità dove connetterti con la tua profonda essenza. Sì, perché nell’isola troverai un monastero di monaci armeni dell’ordine dei Mekhitaristi, qui presenti dal 1717. Prima di loro l’isola fu sede di una comunità di Benedettini e ora qui si custodisce un patrimonio culturale e artistico incredibile che ti farà fare un salto indietro nel tempo.

A San Lazzaro sono conservati alcuni dei tesori più preziosi dell’umanità, come la mummia egiziana meglio conservata d’Europa, un gesso di Canova, l’autografo di Pietro il Grande e una sfera d’avorio tibetana per la cui cesellatura ci sono voluti 25 anni. Tra manoscritti in lingua armena (la più vasta collezione al mondo) e 170.000 volumi, questa curiosa isola ti trasporterà nella storia e ti lascerà un incredibile bagaglio di memorie.

La Laguna di Venezia è davvero un concentrato di isole grandi e piccole, abitate e deserte, edificate e selvagge che avrai solo l’imbarazzo della scelta.

Un’altra gemma che ti suggeriamo di visitare è San Servolo con i suoi due inconfondibili campanili. Cosa visitare? Sicuramente la chiesa barocca e le lunghe pareti del monastero che fino a pochi decenni fa ospitava il manicomio. Troverai giardini lussureggianti e architetture settecentesche, chiostri e refettori oggi in uso alla Venice International University.

A meritare una visita è anche l’isola del Lazzaretto Vecchio che venne scelta dal Senato della Repubblica di Venezia per istituire il primo lazzaretto al mondo dove ospitare i malati di peste. Successivamente, a metà Ottocento, divenne presidio militare, per poi trasformarsi nuovamente nel 1965 quando divenne canile municipale.

Se non hai mai messo piede all’isola di San Clemente, il nostro suggerimento è di aggiungerla alla lista. La sua storia risale al 1131 quando venne fondata una chiesa con un ospizio per i pellegrini. Il suo nome deriva proprio dalla Chiesa di San Clemente. Nel corso del XV e XVI secolo divenne luogo di accoglienza per gli ospiti più illustri di Venezia e oggi si respira ancora la sua storia.

Infine, a completare la rassegna delle isole della laguna Sud di Venezia, c’è Poveglia, la cosiddetta “isola infestata dai fantasmi”, attualmente chiusa al turismo e disseminata di rovine sepolte nel verde. La sua storia risale al 1700, quando era luogo di quarantena per uomini e merci e lazzaretto per i malati di peste dove poi vennero sepolti. Proprio da qui nascono le antiche leggende che narrano di spiriti infestati, cliniche psichiatriche e luoghi spettrali… davvero da brividi!