Murano, Burano, Torcello: le gemme preziose di Venezia

Per una fuga d’amore o un weekend di immersione totale nella bellezza autentica, Venezia è la meta ideale. Con le sue calli e i suoi ponti sull’acqua, i suoi Palazzi settecenteschi e le maschere del Carnevale che colorano la città tutto l’anno, la Serenissima ha il potere di conquistare ogni viaggiatore. Ma come ogni regina che si rispetti, la sua bellezza si estende tutto intorno a lei: Murano, Burano e Torcello, ciascuna con le proprie peculiarità, sono considerate le sue isole-gioiello.

Sai che a soli 300 metri dalla nostra dimora storica Hotel Antica Corte Marchesini immersa in un’oasi di pace e tranquillità si trova il collegamento ferroviario che ti permetterà di raggiungere Venezia? Da lì potrai immergerti nei dintorni della città e conoscere le sue splendide gemme.

Scopriamo insieme perchè Murano, Burano e Torcello meritano assolutamente una visita!

Murano e la sua lunga tradizione del vetro soffiato

Famosa in tutto il mondo per i suoi coloratissimi vetri, Murano è uno dei centri più popolosi della Laguna Veneta. Le sette isole che lo compongono sono divise da canali e rii e i ponti che le collegano l’una all’altra creano un paesaggio caratteristico da ammirare sull’acqua o con una rilassante passeggiata.

La tradizione che la lega al vetro soffiato risale al 1291 – anche se secondo alcuni antichi reperti l’industria si era radicata nell’isola già da tempo – quando si decretò che le vetrerie di Venezia venissero spostate a Murano poiché i forni dei laboratori causavano spesso disastrosi incendi.

Al tempo i maestri vetrai erano obbligati a vivere sull’isola e non potevano lasciare Venezia senza un permesso speciale al fine di proteggere una nobile arte da chi invece avrebbe voluto portarla all’estero.

Oggi invece gli oggetti in vetro realizzati nelle fornaci ed esposti nelle numerose botteghe di Murano sono venduti in tutto il mondo. Passeggiando tra le sue caratteristiche case basse e colorate ti consigliamo di fermarti in uno dei suoi splendidi laboratori per vedere da vicino come questo fragile e meraviglioso materiale prende vita e si trasforma in mille oggetti diversi.

Anche il Museo del Vetro merita di essere visto: avrai l’occasione di ammirare straordinari capolavori di arte vetraria dal 300 al 900 e apprendere di più su una lunghissima tradizione e sulle tecniche che per tanto tempo sono state patrimonio di pochi abili vetrai.

Oltre al Museo ti suggeriamo di visitare le tre chiese di Murano rimaste dopo che Napoleone Bonaparte approdò sull’isola distruggendone quindici:

  • Basilica dei Santi Maria e Donato con il caratteristico pavimento a mosaico che riporta la stessa trama di quello della Basilica di San Marco;
  • Santa Maria Degli Angeli dove potrai ammirare un Campanile della metà del Cinquecento;
  • San Pietro Martire dove sono conservate molte delle opere delle altre Chiese, qui riposte per sottrarle alla razzia di Napoleone.

Infine, l’ultimo dettaglio che rende Murano così unica è il faro che, sin dal Medioevo ha avuto il compito di illuminare la laguna. Si tratta di una costruzione in marmo d’Istria che, grazie a un particolare gioco di specchi, rappresenta una guida importante per le imbarcazioni che rientrano la notte.

Burano, i merletti e le sue pittoresche case colorate

Chiunque approdi a Burano nota prima di tutto quel dettaglio che la rende unica: il colore. In questa isola felice si respira pace, serenità e l’artigianalità di un tempo in parte perduto. Passeggiando tra calli e campielli non potrai fare a meno di sorridere scorgendo le anziane signore che ricamano l’originale merletto buranello con il loro tombolo.

Sull’isola si trova anche il Museo del Merletto, all’interno di un Palazzo Gotico adiacente al Palazzo del Podestà. Troverai esposti rari e preziosi esemplari che offrono una completa panoramica delle vicende storiche e artistiche dei merletti veneziani e lagunari dall’origine ai nostri giorni.

Come a Murano puoi vedere chi lavora il vetro, a Burano avrai l’occasione di osservare le maestre merlettaie all’opera mentre danno seguito a una tradizione che si tramanda da generazioni.

Trai i luoghi suggestivi da visitare sull’isola si guadagna sicuramente un posto la Chiesa di San Martino Vescovo, internamente in stile lombardo-barocco con pilastri neoclassici e capitelli in stile corinzio, e l’adiacente Cappella di Santa Barbara.

Suggestive sono anche le statue di Remigio Barbaro, tra cui “Attesa di Pace“: noto come lo “Scultore eremita” o “Il Professor”, la sua arte è un connubio di natura e spiritualità e il ricordo della sua personalità e professionalità riecheggiano ancora tra le vie di Burano.

In quest’isola dai mille colori, perfetta per essere esplorata a piedi, scorgerai quei piccoli dettagli che la rendono così particolare e pittoresca, come il pozzo in pietra d’Istria risalente al 500, un campanile storto dalla pendenza molto marcata, i negozietti artigianali e la Pescarìa Vecia dove condividere con chi ami tramonti mozzafiato sulla Laguna di Venezia.

Torcello, tra antiche leggende e atmosfere d’altri tempi

Bastano 5 minuti in traghetto per spostarti da Burano a Torcello, un’isola che ti sorprenderà con la sua atmosfera d’altri tempi. Tra case coloniali e un paesaggio in stile tardo impero romano, potrai passeggiare e scorgere gli elementi caratteristici della terza isola della Laguna di Venezia.

Conosci la leggenda del Ponte del Diavolo? Si racconta che venne costruito in una sola notte dal diavolo in persona per vincere una scommessa; una storia curiosa che ha come protagonisti anche una strega, un giovane austriaco e una ragazza veneziana…

A legare Torcello al passato è anche la piazza del paese, ancora interamente in terra battuta e ghiaia e un trono in marmo, probabilmente proprietà del Vescovo di Torcello o di qualche tribuno dell’isola. A questi elementi si aggiungono il Palazzo del Consiglio, in stile gotico che, insieme a Palazzo dell’Archivio, costituisce il Museo di Torcello: qui potrai ammirare gli innumerevoli reperti archeologici trovati nell’isola appartenenti alle epoche tardo-latina, bizantina e medievale.

Per chiudere la lista delle bellezze dell’isola ti suggeriamo di visitare la splendida Basilica di Torcello con i luoghi che per secoli rimasero inaccessibili: la cripta e la sacrestia.

Questo luogo intriso di storia e ricordi è la terza delle gemme della Laguna di Venezia, tre tesori diversi l’uno dall’altro che ti ammalieranno con le loro peculiarità e un’innata bellezza.

Il tour delle isole di Venezia tra colori, tradizioni e racconti del passato

Hai mai visitato Murano, Burano e Torcello? Sono i tre gioielli di Venezia che sorprendono e conquistano per i colori intensi, tradizioni che si tramandano da generazioni e antiche pietre intrecciate a leggende del passato.

Dal nostro esclusivo Hotel Antica Corte Marchesini puoi fare un tour in battello tra le isole più belle della Serenissima. Per l’occasione abbiamo elaborato un pacchetto di due giorni per te. Cosa ti aspetta?

  • Pernottamento di 2 notti in camera matrimoniale Standard
  • Colazione a buffet con prodotti genuini e locali
  • Una cena con menù completo per 2 persone nel nostro accogliente Ristorante “Ai Quattro Archi”
  • Parcheggio e wi-fi gratuiti
  • Tour in battello con visita alle isole di Burano, Murano e Torcello

La nostra atmosfera rilassante e suggestiva ti aspetta: scegli Hotel Antica Corte Marchesini per la tua fuga alle isole di Venezia!